Sono state trovate diverse armi durante i controlli e le perquisizioni della Digos presso le dimore e i quartier generali degli indagati nell’ambito dell’operazione “Basta dittatura”, che ha preso il nome dalla denominazione del canale Telegram, ora chiuso, sul quale comunicavano e che contava oltre 40mila utenti. Trovate taniche di benzina, coltelli, pugnali e anche una balestra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ostia, 14enne rifiuta di mettere il velo e viene picchiata dalla famiglia: trasferita in una struttura protetta dopo la denuncia

next
Articolo Successivo

Covid, Fedriga vuole il metodo Austria in Friuli Venezia Giulia: “Andremo in zona gialla, chi è vaccinato non paghi prezzo di nuove chiusure”

next