Strette di mano, il rito dell’affaccio dal balcone dello studio del sindaco al Campidoglio, con vista Fori Imperiali. E poi poche parole alla stampa, tra gli applausi in aula Giulio Cesare. Così si è svolto il passaggio di consegne tra Virginia Raggi e il neo sindaco di Roma, Roberto Gualtieri. “Faccio i migliori in bocca al lupo, fare il sindaco è il mestiere più bello e più complesso. A livello umano e politico è un’esperienza decisamente piena. Sono stata onorata di guidare questa città per cinque anni. Con grande senso delle istituzioni consegno la città al nuovo sindaco”, si è limitata a spiegare la sindaca uscente, al termine del simbolico passaggio di consegne.

“Sono onorato di assumere questo ruolo. Ringrazio la sindaca per avermi accolto e per il lavoro di questi anni: oggi abbiamo parlato dei dossier più importanti. Da oggi inizierà il lavoro, una nuova fase intensa ed emozionante”, ha concluso il sindaco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Letta vuole il nuovo Ulivo? Nardella: “Fronte pure con Forza Italia”. E Calenda: “Da Bersani a Giorgetti per Draghi dopo il 2023”

next