A Genova come a Trieste, al porto non tira aria buona in vista dell’obbligo di green pass previsto per tutti i lavoratori a partire da venerdì. Da parte delle organizzazioni sindacali la richiesta di mediazione con i terminalisti, in trattativa in queste ore e già concessa da alcuni di loro, è quella di ottenere i tamponi gratuiti per quel 20-30% stimato di lavoratori che rifiutano il vaccino (senza certificati di esenzione), a spese delle aziende.

Contro il green pass ma anche molto determinati a prendere le distanze dalle modalità di protesta che si sono viste a Roma: “L’obiettivo dei fascisti è cavalcare le paure della gente per fare propaganda, e prendersela con le organizzazioni dei lavoratori è un totale controsenso – spiegano dal Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali – noi siamo contrari a uno strumento che divide i lavoratori e chiediamo che le spese di questo dispositivo non siano a carico dei dipendenti, ma lo facciamo per solidarietà ai colleghi che, con situazioni contrattuali precarie, rischierebbero di avere pesanti ripercussioni sul futuro lavorativo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, sì unanime della Camera alle nuove norme per la parità retributiva tra uomo e donna. Previsti sgravi per le aziende virtuose

next
Articolo Successivo

Conad, il giudice: “Illegittimo non assorbire tutti gli ex dipendenti Auchan. Il rapporto di lavoro continua con chi compra punto vendita”

next