Continua l’accelerazione dell’inflazione. A settembre, stima l’Istat, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività, al lordo dei tabacchi, registra una diminuzione dello 0,1% su base mensile e un aumento del 2,6% su base annua da +2% del mese precedente: una fiammata che non si registrava da ottobre 2012. Dipende soprattutto dall’accelerazione dei prezzi dell’energia, che aumentano del 20,2% dal +19,8% di agosto. Ad aumentare, sottolinea l’istituto di statistica, sono sia quelli della componente regolamentata (da +34,4% a +34,3%) sia di quella non regolamentata (da +12,8% a +13,3%).

Oltre all’aumento molto ampio dei prezzi dei beni energetici, si registrano accelerazioni della crescita dei prezzi anche in altri comparti merceologici che spingono l’inflazione di fondo sopra il punto percentuale. I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona accelerano da +0,6% a +1,2% e quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto da +2,4% a +2,8%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assegno unico figli, in Consiglio dei ministri la proroga dei termini per presentare domanda

next
Articolo Successivo

Bonus Terme al via l’8 novembre senza limiti Isee: ecco quanto vale e come richiederlo

next