Banca centrale cinese di nuovo con il pugno di ferro contro le valute digitali. Oggi la Pboc ha definito illegali tutte le transazioni e le attività in valuta digitale e promettendo una ferma repressione sui mercati. La Banca centrale, si legge in una nota postata sul suo sito web, ha chiarito che le criptovalute “non hanno lo stesso status giuridico della moneta in corso legale e non possono essere distribuite sul mercato come moneta”. Inoltre, prosegue la nota scambi e transazioni in valuta virtuale sono definite “attività finanziarie illegali e sono severamente vietate“. Dopo la notizia le quotazioni del bitcoin hanno cominciato a scendere velocemente perdendo oltre il 7% in un’ora. Attualmente un bitcoin viene scambiato a 41.200 dollari. Cali ancora più marcati per ethereum (- 11%) e litecoin (- 10,7%).

Negli ultimi anni, le transazioni di bitcoin e di altre criptovalute, scrive ancora la banca, “hanno prevalso, sconvolgendo l’ordine economico e finanziario, favorendo il riciclaggio di denaro sporco, la raccolta illegale di fondi, la frode, gli schemi piramidali e altre attività illegali e criminali” e mettendo “a serio rischio la sicurezza dei beni delle persone”. In conformità con la decisione del Comitato centrale del Partito comunista e del Consiglio di Stato (il governo centrale), la Banca centrale ha quindi emanato una serie di politiche e misure per chiarire che “le valute virtuali non hanno corso legale“, vietando “alle istituzioni finanziarie lo sviluppo e la partecipazione ad attività legate alla valuta virtuale, e le transazioni nazionali”, nonché “il finanziamento dell’emissione di token”.

L’ultima mossa giunge a chiusura di una progressiva campagna della Banca centrale contro le criptovalute che hanno visto nei mesi scorsi l’abbattimento delle attività di mining, di produzione delle valute virtuali, in tutte le province del Paese, al punto che molti player cinesi hanno trasferito le proprie attività negli Stati Uniti. El Salvador ha recentemente adottato il bitcoin come valuta legale da affiancare al peso per agevolare le rimesse dall’estero. Oggi la Banca centrale del Cile ha confermato che un gruppo di lavoro “di alto livello” studierà obiettivi, requisiti e regolamenti per lo sviluppo di una moneta digitale nazionale. Il presidente dell’istituto, Mario Marcel, ha spiegato che il focus dell’analisi saranno i mezzi di pagamento digitali, al dettaglio, all’ingrosso, transfrontalieri, privati digitali e criptoattivi, secondo il quotidiano La Tercera.

Alcuni giorni orsono Jackson Palmer, uno dei creatori del dogecoin che si è poi ritirato dal settore, ha affermato “Dopo aver passato anni a studiarle ho capito che le criptovalute hanno una natura di destra ed iper capitalistica. Qualcosa costruito prima di tutto per accrescere la ricchezza dei loro creatori attraverso una combinazione di elusione fiscale, sfuggire alle regolamentazione e generare una artificiosa scarsità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caro bollette, Besseghini (Arera) alla Camera: “Dinamica dei prezzi straordinaria, serve una transizione giusta che non pesi sui più deboli”

next
Articolo Successivo

Trasporto locale, la Francia si adegua al resto d’Europa mentre l’Italia resta fanalino di coda

next