Una donna di 43 anni è stata uccisa a coltellate dal marito 52enne, fermato dai carabinieri. È successo a Fagnano Castello, non lontano da Cosenza. Secondo quanto emerso dalle indagini l’aggressione è avvenuta a seguito di un litigio e i rapporti fra la vittima – Sonia Lattari – e l’uomo erano tesi da tempo per motivi ancora da accertare. Per uccidere la moglie, Giuseppe Servidio ha usato un coltello domestico, da cucina: ha puntato soprattutto all’addome, con almeno una decina di colpi. Secondo quanto riferito dal 52enne, la lite è cominciata perché la donna inizialmente non era rientrata a casa. È stato lo stesso Servidio a chiamare i carabinieri, poco dopo l’aggressione. Sul posto anche i soccorsi del 118, che però non hanno potuto fare nulla. Al momento si trova in stato di fermo nella caserma di San Marco Argentano, dove sarà interrogato dal magistrato di turno della Procura della Repubblica di Cosenza. Secondo quanto é stato accertato, al settore Servizi sociali del Comune di Fagnano Castello non erano mai pervenute segnalazioni riguardo liti della coppia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brescia, uccisa a coltellate dall’ex marito sulle scale di casa: si erano separati da poco

next
Articolo Successivo

Mostro di Firenze, sopralluogo high-tech nel bosco degli Scopeti che fu scena di un crimine. La questura: “Anche per un docufilm della Rai”

next