Il mostro di Loch Ness potrebbe essere lungo tra i 2,70 e i 4 metri. La notizia, riportata dal Daily Record, sta appassionando i lettori più curiosi. Sembra infatti che la leggendaria creatura sarebbe stata individuata da un radar sottomarino. Il tutto risale al 26 agosto, ovvero al giorno della segnalazione del signor Brandon Scanlon, ora inserita nel registro ufficiale degli avvistamenti della leggendaria creatura che tradizione vuole abiti nel lago scozzese. Scanlon era in vacanza con la famiglia e stava facendo una gita a Loch Ness quando ha notato qualcosa sul sonar della barca. A quel punto il capitano dell’imbarcazione, Mike, ha analizzato l’oggetto identificato. Si trovava a circa 20 metri di profondità.

A dare credibilità all’episodio ci sono alcuni studi sui plesiosauri, secondo cui la loro grandezza sarebbe proprio di circa 4 metri. Inoltre, verso la fine del mese di luglio, un altro turista, il signor Veacock, ha affermato di aver visto una creatura non identificata alzarsi a due piedi dall’acqua prima di tornare alle profondità remote. Anche lui si trovava in vacanza sul celebre lago di Loch Ness. Insomma, è solo suggestione o qualcosa di vero c’è?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Surfista attaccato da uno squalo muore a 30 anni. I soccorritori: “Scena tremenda”

next