“Sull’Afghanistan è essenziale mantenere uno stretto coordinamento tra i partner internazionali. In questo contesto il dialogo con la Russia è imprescindibile”. Così il ministro degli Esteri Luigi Di in conferenza stampa con il capo della diplomazia russa Sergej Viktorovič Lavrov. Di Maio ha quindi continuato definendo Mosca “un attore fondamentale” per “gestire l’attuale situazione di crisi” e poi “per giungere a un approccio internazionale unitario”. Solo un’azione globale, ha specificato Di Maio, potrà essere efficace per la situazione in Afghanistan. Il ministro degli Esteri ha però sottolineato che quella delle evacuazioni è solo una prima fase. “Ora bisogna pianificare la fase due – ha insistito – Nella visione italiana l’approccio della comunità internazionale dovrebbe articolarsi attorno a cinque priorità”. I punti secondo la Farnesina sono l’effettiva protezione dei civili, tutela dei diritti umani, garanzia dell’accesso umanitario, contrasto del terrorismo e gestione efficacie dell’impatto migratorio al livello internazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, il punto stampa congiunto dei ministri degli Esteri Di Maio e Lavrov dopo l’incontro alla Farnesina: segui la diretta tv

next
Articolo Successivo

Monica Cirinnà e lo scivolone sulla colf: da che pulpito viene l’indignazione

next