Un evento straordinario ma proprio per questo molto preoccupante. La pioggia è caduta per la prima volta sulla vetta della calotta glaciale della Groenlandia da quando sono iniziati i rilevamenti climatici nella regione. La rilevazione è stata fatta il 14 agosto scorso dagli scienziati nella stazione della US National Science Foundation, che si trova sul picco di 3.216 metri della calotta dove le temperature sono normalmente ben al di sotto di zero gradi.

Secondo quanto riportato da diversi media internazionali la pioggia è caduta in Groenlandia durante tre giorni eccezionalmente caldi, con temperature in alcune zone superiori di 18 gradi rispetto alla media. Di conseguenza, lo scioglimento dei ghiacci è stato osservato nella maggior parte dell’isola, su un’area circa quattro volte più grande del Regno Unito. Si stima che in tutta la Groenlandia siano cadute circa 7 miliardi di tonnellate di acqua. La calotta glaciale della Groenlandia negli ultimi decenni ha perso più ghiaccio e ha contribuito maggiormente all’innalzamento del livello del mare, poiché la Terra si è riscaldata a causa delle emissioni di anidride carbonica e altri gas che trattengono il calore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ambiente e non solo, a che punto siamo con la questione energetica?

next
Articolo Successivo

Clima, non tutto è perduto ma da ora nessuno si senta escluso: né i politici né i cittadini

next