“Perché su un volo da tre ore sono tutelato dal green pass e in un viaggio su un regionale, magari da 4 ore, no?”, questa la domanda rivolta al ministro Enrico Giovannini durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi: “Nel Trasporto pubblico locale uno dei problemi è la possibilità di controllare il possesso del green pass – è uno degli aspetti sottolineati dal ministro -. E di questo stiamo discutendo con le regioni, per questo non verrà aumentata la capacità dei passeggeri che potranno essere accolti”. Giovannini ha anche spiegato che: “Sugli aerei ci sono particolari filtri per l’aria che rendono possibile un maggiore tasso di riempimento, sui treni regionali questi sistemi non ci sono. Stiamo ragionando se montare filtri anche su altre tipologie di treno che non siano quelli ad alta velocità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass, da oggi obbligo per bar e palestre. Salvini: “Se dati migliorano, via restrizioni”. Bonaccini: “Avrei riaperto le discoteche”

next
Articolo Successivo

Trasporto pubblico locale, Giovannini: “A settembre ci sarà gestione adeguata ai bisogni, molte persone ancora in smart working”

next