“Oggi più che mai il discorso va concretizzato. A 18 anni e un minuto chi ha i requisiti deve avere la cittadinanza italiana. Non riconoscere lo Ius sportivo è aberrante, folle”, così il presidente del Comitato Olimpico Internazionale Giovanni Malagò dopo la vittoria di Marcell Jacobs nei 100 metri e di Gianmarco Tamberi nel salto in alto. “Mario Draghi mi ha chiamato orgoglioso, si è complimentato. Ha invitato gli atleti a Palazzo Chigi, è la risposta migliore a queste domande”, ha aggiunto.

Le parole del numero uno dello sport italiano hanno però provocato la reazione di Matteo Salvini. Il leader della Lega, di fronte a una spedizione di atletica per il 38% da atleti di origini straniere: “Ius Soli? Già oggi, a 18 anni, chiunque può chiedere e ottenere la cittadinanza. Squadra che vince non si cambia!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tokyo 2020, Jacobs interrotto durante l’intervista: “Scusa Marcell, c’è Mario Draghi al telefono”

next
Articolo Successivo

Tokyo 2020, notte da after-party per l’Italia: pochi lampi, l’Italvolley perde e rischia un quarto duro. Oggi è il giorno di Ferrari

next