Sabato pomeriggio migliaia di No Tav arrivati da tutta Italia hanno marciato per i sentieri della Val di Susa verso il cantiere dell’alta velocità. Una volta arrivati davanti ai jersey che sbarravano il sentiero, i militanti hanno provato a rimuovere il filo spinato con delle corde, lanciando pietre, fuochi d’artificio e bombe carta verso l’area del cantiere. Le forze dell’ordine ha risposto con un fitto lancio di lacrimogeni. Nel corso dell’assedio, durato oltre due ore, un altro gruppo di No Tav è riuscito a entrare dentro il cantiere dal lato della zona archeologica di Chiomonte danneggiando cinque mezzi tra cui una jeep lince dell’Esercito. “Se non ci penserà il governo a fermare l’opera – concludono i No Tav – ci penseremo noi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No Green Pass, da Roma a Genova fino alle migliaia di persone di Milano: in piazza i manifestanti contro il lasciapassare vaccinale

next
Articolo Successivo

Green pass, niente mascherine e distanziamento: corteo non autorizzato a Milano per dire “No”. Insulti alle forze dell’ordine

next