Cercavano di lasciare la Sardegna portandosi via due quintali e mezzo di sabbia e ciottoli dalle spiagge di Villasimius. Dei turisti in fuga col “malloppo” sono stati costretti a restituire il maltolto, ma l’ennesimo episodio del genere lascia senza parole i locali.

Non sono serviti gli appelli degli anni scorsi e neppure lo spot dell’Agenzia del Demanio e della Regione che quest’anno hanno messo in campo testimonial d’eccezione per fermare le ruberie di sabbia e pietre dalle spiagge della Sardegna. Dopo gli 11 turisti multati per avere sottratto nelle ultime settimane sabbia e sassi dai litorali, ora si scopre che nei giorni scorsi altri villeggianti cercavano di portare fuori dall’isola 250 chili di materiale che oggi torna a casa.

A farlo saperea sapere l’associazione Sardegna Rubata e Depredata che su Facebook ha rilanciato la notizia del ritrovamento. “Eppure è un concetto semplice da capire, dell’ecosistema spiaggia non si deve portare via niente – scrive l’associazione che da anni si occupa della tutela dei litorali – Per chi non ha le capacità di capirlo da solo non mancano le informazioni, gli avvisi, gli spot e la martellante campagna divulgativa… Ma niente, questi preferiscono tornare a casa con una multa da 1000 euro. Gli instancabili amici del corpo delle Guardie Ambientali di Villasimius riporteranno ogni singolo granello nel luogo che gli compete”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

G20 Napoli, no accordo su riscaldamento globale e decarbonizzazione: l’ambizione di Cingolani e Kerry diventa un “vorrei ma non posso”

next
Articolo Successivo

Carne, report Wwf sui danni del consumo sfrenato: “Eliminare i sussidi agli allevamenti intensivi e sostenere gli estensivi”

next