Peter R. de Vries, il giornalista investigativo che era stato gravemente ferito in un agguato il 6 luglio ad Amsterdam, è morto. L’uomo, 64 anni, era un reporter di cronaca nera, noto nei Paesi Bassi per le sue inchieste sul mondo criminale.

Era da giorni ricoverato all’ospedale di Amsterdam in gravi condizioni in seguito a un’aggressione. De Vries aveva appena lasciato uno studio televisivo della città quando l’assalitore ha sparato cinque colpi di pistola alla testa di de Vries. Nel 2019 il giornalista aveva annunciato su Twitter di essere stato informato dalla polizia e funzionari della Giustizia di essere sulla “lista nera” di un criminale latitante.

Vincitore di un Emmy nel 2008 per uno show televisivo sulla scomparsa dell’adolescente americana Natalee Holloway nel 2005, De Vries era noto anche per aver investigato sul caso del rapimento del magnate della birra Freddy Heineken avvenuto nel 1983.

Nei giorni scorsi, nella via di Amsterdam in cui era avvenuta la sparatoria – Lange Leidsedwarsstraat – centinaia di persone avevano voluto mostrare la propria vicinanza a De Vries lasciando fiori e biglietti sul marciapiede. Tanti anche i messaggi da parte delle istituzioni europee: “I giornalisti sono un valore per le nostre democrazie e società”, aveva detto la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, il comune di Schuld travolto dalla piena del fiume: le immagini aeree col drone

next
Articolo Successivo

Il maltempo non colpisce solo la Germania: città allagate anche in Belgio e Olanda – Video

next