Il suo ritorno a Ravello ha subito fatto da spartiacque. Tra quelli che del calcio chissene e tra i tifosi/amateur di quel genio della tastiera.
Una Grande Prima degna del palcoscenico di Villa Rufolo, il più bello del mondo, sospeso tra cielo e mare, all’ombra del Cammino degli Dei: 69 edizione del Festival di Ravello, direttore il compositore Alessio Vlad, quest’anno il suo cartellone è strepitoso.

Esordisce Bollani: “Meno male che ce lo mettono di spalle, altrimenti davanti a tanto incanto nessuno suonerebbe più”. Intanto tutto sold out da giorni per le sue “Piano Variations on Jesus Christ Superstar”, per rendere omaggio al 50esimo anniversario del capolavoro di Andrew Lloyd Webber che quando lo compose aveva 23 anni. E’ grato Bollani per il permesso eccezionalmente ricevuto dal compositore rock di reinterpretarlo alla sua maniera eclettica. Una rilettura al quale aggiunge tocco estroso e linguaggio del corpo. Si sdoppia Bollani, con una mano esegue una melodia e con l’altra dà anima a un’altra armonia di note. Sembra un guizzo giocoso in realtà è un’esecuzione complicatissima.

Suona con i piedi, nel senso, li muove, li agita, batte il ritmo.. E’ un performer allo stato pure, anche quando ironicamente rivolge al pubblico un test: “Quanto di Ponzio Pilato c’è in ognuno di voi?”. Allo scaricare sugli altri le proprie responsabilità. “In fondo è un precursore dei tempi. Ci ha insegnato a lavarci le mani. E anche molto…”.

E’ superfluo ricordare quanto Jesus Christ Superstar, la madre di tutti i musical di Broadway, abbia influenzato il jazz. Bollani vide il film a 15 anni e rimase folgorato. “E’ da lì che nacque la storia d’amore tra l’opera rock e me”. Che dura fino ad oggi.
Abbiamo citato l’amore. Eccola seduta in prima fila, piena di grazia, Valentina Cenni, la chiama sul palco, si siede al suo fianco e duettano guardandosi negli occhi (lei canta in portoghese anche meglio di una carioca di Ipanema).
Un bis, due, tre… Bollani si lascia andare: “Io suonerei ancora per cinque ore, ma le maestranze non lo consentirebbero”. Peccato.
Alla notte magica si aggiungono i rigori dell’Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quelle Honeur! Per il suo debutto entra nel Cortile d’Onore di Palazzo Reale Napoli Città Libro, la bookmesse più importante al Sud

next
Articolo Successivo

Auguri maestro Riccardo Muti. La sua è veramente “Un’estate da re”: un palco non basta, meglio due

next