Sit-in si è davanti al tribunale d Roma in viale Giulio Cesare, dove è iniziato il procedimento civile intentato da 500 famiglie di vittime del Covid, che hanno fatto causa a Regione Lombardia, ministero dello Salute e presidenza del Consiglio. Processo che andrà a porsi parallelamente a quello penale che si sta tenendo a Bergamo. Al presidio hanno partecipato circa 40 persone, tutte provenienti dalla Lombardia, più precisamente dalla provincia più colpita dal Covid, ossia quella di Bergamo. “La salma di mio padre era nei camion dell’esercito – ha raccontato una parente – non potete neanche immaginare che dolore abbiamo provato”. Dal procedimento i parenti delle vittime sperano di ottenere giustizia e un risarcimento di circa 100milioni di euro. “Noi abbiamo pagato per le malefatte della politica, ora sono loro a dover pagare”, rimarca un uomo che ha un forno nella bergamasca e che ha visto morire suo padre in meno di una settimana

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“In Italia pochi magistrati”: oggi l’allarme dell’Ue. Ma la commissione Cartabia ha abbandonato la proposta che avrebbe aumentato i giudici in appello

next
Articolo Successivo

Corso Francia, Pietro Genovese condannato a 5 anni e 4 mesi: investì uccidendole le due 16enni Gaia e Camilla

next