Il gup lo aveva condannato a otto anni al termine di un processo svolto con il rito abbreviato, ma in appello Pietro Genovese, il ventenne romano che investì e uccise le due 16enni Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli nel 2019 in Corso Francia a Roma, ha concordato una condanna a 5 anni e quattro mesi. Nei suoi confronti l’accusa è di omicidio stradale plurimo. I giudici hanno ratificato l’accordo tra difesa e procura generale e questo chiude la vicenda giudiziaria rendendo definitiva la pena inflitta.

I fatti risalgono alla notte tra il 21 e il 22 dicembre 2019: le due 16enni avevano trascorso una serata con gli amici, alla pista di pattinaggio del vicino Auditorium, festeggiando insieme l’inizio delle vacanze natalizie. Pioveva, correvano per tornare a casa e il suv, guidato da Genovese, figlio del regista Paolo, andava a velocità sostenuta, quando le travolse, uccidendole sul colpo. Subito dopo l’impatto, Genovese provò a soccorrere le giovani, ma per loro non ci fu nulla da fare, mentre il ragazzo, sotto shock, venne portato in ospedale per accertamenti e analisi risultando positivo ai test alcolemico tossicologici con un tasso di alcol dell’1,4, tre volte superiore a quello consentito per guidare. In particolare nel caso dei neopatentati, il codice della strada non consente assunzione di alcol per chi guida da meno di tre anni. A seguito degli accertamenti, l’investitore, difeso dagli avvocati Franco Coppi e Gianluca Tognozzi, finì ai domiciliari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, al via il procedimento civile contro Lombardia e Governo chiesto dai parenti delle vittime: “Vogliamo sapere cosa non ha funzionato”

next
Articolo Successivo

Mondo di mezzo, assoluzione per Alemanno per corruzione, prescrizione per traffico di influenze. La Cassazione conferma il finanziamento illecito

next