Spintoni, schiaffi e persino colpi con l’asta di una bandiera tricolore. È l’aggressione subita da un rider nella notte tra martedì e mercoledì, a Cagliari, durante i festeggiamenti in strada per la vittoria della Nazionale italiana agli Europei. La scena è stata filmata da alcuni smartphone e postata sul proprio profilo Facebook Nicola Montisci, raggiungendo in poche ore migliaia di condivisioni e visualizzazioni. Nelle immagini si vede una folla di giovani accalcati in mezzo a piazza Yenne e che, incuranti delle regole sul distanziamento sociale e senza alcuna mascherina, spintonano il fattorino a bordo di uno scooter sino a farlo cadere sull’asfalto. E mentre altri giovani cercano di placare gli animi, sull’uomo piovono schiaffi, calci e colpi di asta. Qualcuno lo aiuta a risollevare lo scooter, tenendo a freno altri giovanissimi e così il rider può riprendere la sua corsa e il suo lavoro. “Si sono scagliati su di me finché non sono caduto sul lato” ha raccontato l’uomo all’Ansa. Migliaia i commenti tra chi grida “vergogna” e chi sollecita maggiori controlli e invece chi chiede “giustizia” per il rider auspicando che i giovani vengano riconosciuti nel video e sanzionati. Sul caso è intervenuto anche il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, invitandolo in Comune per chiedergli scusa a nome della città. “Sono scene che non possiamo giustificare in alcun modo – ha scritto su Facebook – Perché solo dei vigliacchi e degli incivili senza alcuna educazione e rispetto per gli altri possono comportarsi così. E non c’entra nulla l’euforia per la vittoria della nazionale. Ma state sicuri che non la passeranno liscia, e sono certo che grazie al lavoro congiunto della poliziae della municipale potremo risalire ai responsabili e magari farli impegnare per un po’ di tempo in lavori socialmente utili al servizio della comunità”

video Ansa

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La storia della mamma e del figlio costretti a vivere in auto sull’A1. E la polizia stradale li aiuta con cibo e beni di prima necessità

next
Articolo Successivo

Migranti, localizzati relitto e corpi dei dispersi nel naufragio del 30 giugno a Lampedusa

next