In Lombardia è guerra in tribunale sull’obbligo vaccinale dei sanitari. Trecento operatori sanitari e medici di Brescia, Cremona, Bergamo e Mantova, riferisce Il giornale di Brescia, hanno presentato ricorso al Tar di Brescia chiedendo l’annullamento dell’imposizione di legge. L’udienza è prevista il 14 luglio.

“Non è una battaglia no vax, ma una battaglia democratica. Qui si obbliga una persona a correre un rischio altrimenti gli viene impedito di svolgere la professione“, ha commentato l’avvocato Daniele Granara che ha presentato il ricorso contro Ast Bergamo, Ats Brescia, Ats Val Padana e Ats Montagna. “L’Italia – si legge nelle 52 pagine di ricorso – è l’unico Paese dell’Unione Europea a prevedere l’obbligatorietà per determinate categorie di soggetti della vaccinazione per la prevenzione della Sars-CoV-2”. Il ricorso è stato depositato lo scorso 22 giugno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incidente lago di Garda, chiesto arresto di uno dei due tedeschi a bordo del motoscafo che ha travolto due ragazzi uccidendoli

next
Articolo Successivo

Napoli, trovato il corpo di Carlo Riccio: si era tuffato in mare per salvare due giovani

next