Una bruttissima caduta di massa ha coinvolto quasi tutto il gruppo di ciclisti del Tour de France a 40 chilometri dal traguardo della prima tappa, con partenza da Brest e arrivo a Landerneau. A causare la carambola una tifosa che si è posizionata all’improvviso sul lato destro della strada, dando le spalle al gruppo per esporre un cartello di incoraggiamento a braccia spalancate.

Tony Martin, il tedesco della Jumbo-Visma che si trovava in cima al plotone a dettare il ritmo, non è riuscito ad evitarla ed è finito a terra, trascinando nella caduta praticamente tutto il gruppo, a partire dal proprio capitano, il campione belga Wout van Aert. A finire a terra anche l’italiano Sonny Colbrelli, tra i favoriti per il successo di tappa, e lo slovacco Peter Sagan. Si sono “salvati” una trentina di corridori, tra cui Julian Alaphilippe con la Deceuninck-Quick Step, il vincitore della tappa. Tra i più sfortunati il tedesco Jasha Sütterlin (DSM), primo ritirato di questa Grande Boucle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Black Lives Matter, gli azzurri hanno deciso di non decidere: non si inginocchieranno contro il razzismo, a meno che non lo facciano gli avversari

next