“Paragone mi chiama ‘fighetto’? La metto sul ridere. Però ci vuole coraggio a dare del fighetto a uno che da 40 anni lavora come un pazzo come lavoro io”. Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine della festa della Guardia di Finanza alla caserma regionale di via Gioia, a Milano, ha risposto alle affermazioni del leader di Italexit, durante la presentazione come candidato sindaco del capoluogo lombardo. “Detto ciò, questa è la campagna elettorale”, ha proseguito.

Poi Sala ha anche risposto alle critiche mosse da alcuni residenti per l’eccessiva espansione dei dehors e alla richiesta di un “coprifuoco” per i dehors proprio per arginare la movida: “Capisco che in alcune vie sia veramente difficile – ha dichiarato –. Chiedo un po’ a tutti tolleranza per quest’anno. Non dev’essere questa la regola dell’estate”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grillo come il Re Sole: dopo di me il diluvio

next
Articolo Successivo

Vaccini Covid, Draghi alla Camera: “La sfida è cercare tutti gli over 50 e convincerli se sono contrari”

next