Gianluigi Paragone, ex parlamentare del Movimento 5 stelle e leader di Italexit, ha presentato alla stampa la sua candidatura a sindaco di Milano, definendola una candidatura “politica”. “Sala poteva essere il candidato del centrodestra ma lo è stato del centrosinistra – ha detto Paragone – Ma il suo profilo poteva essere la candidatura del centrodestra. E infatti il centrodestra non è riuscito in 5 anni a tirare fuori un campione a Palazzo Marino capace di diventarne il competitor. Significa che il centrodestra non vuole vincere a Milano“.

E ha continuato: “Così tirano fuori un candidato, come ho letto, parente di un banchiere che ha inzuppato il pane nel mondo finanziario e bancario è un candidato fighetto come fighetta è la Milano di Sala”. Il riferimento è a Osca Di Montigny, che potrebbe presto diventare il candidato ufficiale del centrodestra. Un nome che, ha proseguito Paragone: “Ha bisogno di una balia e di un tutor a mezzo servizio come Albertini, che si pone come tutor di un candidato che è già un perdente”. Per questo, ha concluso il leader di Italexit, Milano ha bisogno “di un progetto politico completamente diverso rispetto a quello di Sala”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emanuela Del Re, l’ex viceministra e deputata M5s è la nuova rappresentante speciale dell’Unione europea per il Sahel

next
Articolo Successivo

M5s, Pietro Dettori ha lasciato l’associazione Rousseau e Davide Casaleggio: “Io nel Movimento ci credo ancora e mi fido di Beppe”

next