Un uomo di 59 anni è accusato di crudeltà verso gli animali per aver lasciato morire di fame oltre 150 mucche. È quanto accaduto nella contea di Putnam in Tennessee. Le indagini, riportano i media statunitensi, sono cominciate a febbraio quando gli ufficiali di polizia hanno trovato i primi esemplari morti di fame vicino a Lake Hill Road. Inizialmente si pensava a un episodio isolato, ma ben presto le autorità hanno trovato altri bovini morti, questa volta a Calfkiller Highway.

Non è ancora chiaro il motivo del presunto gesto dell’uomo che dovrà comparire in tribunale il 21 giugno. Su di lui pesano 14 capi d’imputazione tra cui, appunto, crudeltà sugli animali e mancato smaltimento di carcasse di animali morti. La cauzione è stata fissata a 10mila dollari. La situazione era stata definita “incredibilmente preoccupante” sia dal “Farm Bureau” che dalla Cattlemen’s Association.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Una balena inghiottisce un pescatore statunitense: salvo grazie a un colpo di tosse

next
Articolo Successivo

Il pechinese Wasabi è il cane più bello d’America. Il ‘commento memorabile’ del proprietario

next