Un coltello da cucina. Con ogni probabilità lo stesso usato come arma del delitto. È quanto è emerso dalla perquisizione della valigia di M.M, il 24enne originario del Bangladesh fermato ieri alla stazione di Torino Porta Nuova per l’omicidio del connazionale Mohammed Ibrahim, il lavapiatti trovato decapitato nella sua abitazione di Torino. All’interno anche capi di abbigliamento e altri elementi di rilievo probatorio ora sotto sequestro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, fermato uomo sospettato dell’assassinio di Mohammad Ibrahim, il lavapiatti decapitato nel suo appartamento

next
Articolo Successivo

Rho, arrestato per omicidio volontario l’ex compagno della 25enne Tunde Blessing

next