Utilizzava fondi pubblici per spese private. Oggi, la Corte di Cassazione ha confermato la sentenza di condanna all’ex governatore dell’Alto Adige Luis Durnwalder nell’ambito di un procedimento per la gestione di fondi riservati. La condanna a due anni e sei mesi arriva dopo una lunga battaglia processuale, in cui la Cassazione ha confermato la sentenza della corte d’appello di Trento di due anni fa. Gerhard Brandstaetter, il difensore di Durnwalder, ha già annunciato che farà ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo, per provare a invertire la sentenza della suprema corte. Intanto il Südtiroler Volkspartei, il partito politico dell’ex governatore, ha espresso la sua vicinanza: “Non un centesimo è finito nella tasche di Luis Durnwalder che ha sempre agito per il bene dei cittadini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, per la Dda di Catanzaro Nicolino Grande Aracri è un “collaboratore di giustizia inattendibile”

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, il giudice che denunciò il Sistema Capristo a Trani: “Certe logiche di scelta dei procuratori sono allarmanti, specie nei piccoli uffici. Non ci sono cittadini di Serie B”

next