“È caduta una cabina della funivia a Stresa, si è schiantata in cima al Mottarone, che casino…che casino”. L’operatrice del 118 che parla con i carabinieri di Verbania rende chiara la confusione che regna pochi minuti dopo la notizia che la cabina numero 3 della funivia sul Lago Maggiore è precipitata. Nella telefonata vengono inviati i primi mezzi di soccorso e appare palpabile la difficoltà di capire se intervenire a monte o a valle dell’impianto. “Al momento so che è caduta la cabina di una funivia ma non so dove”, riferisce un militare a un collega mentre sempre in linea con il numero di emergenza attende altri dettagli. “Pare che la cabina sia caduta in mezzo al bosco e non sia neanche raggiungibile da un mezzo via terra, all’interno c’erano almeno sei persone non sappiamo le condizioni sicuramente sono gravissime”, le ultime parole della donna che insieme alla squadra del 118 coordinerà l’intervento dei soccorsi. Nell’incidente sono morte 14 persone, mentre Eitan, il bimbo di 5 anni unico sopravvissuto, è ancora ricoverato in ospedale a Torino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Enzo Bianchi ha lasciato definitivamente la comunità di Bose: “Un faticoso e sofferente trasloco”

next
Articolo Successivo

Maltempo a Roma, caos alla Rai in via Teulada: cascate d’acqua nell’ascensore centrale. Le immagini

next