Si conclude la quasi ventennale presenza del contingente italiano in Afghanistan. Ad Herat è stata ammainata la bandiera alla base di Camp Arena e consegnata alle forze di sicurezza locali. Alla cerimonia ha partecipato anche il ministro della Disfesa, Lorenzo Guerini. L’evento ha fatto scoppiare anche un caso diplomatico tra Italia ed Emirati Arabi. Il Boeing 767 dell’Aeronautica Militare con 40 giornalisti a bordo diretti da Pratica di Mare a Herat per la cerimonia è stato bloccato per tre ore nell’aeroporto di Dammam, in Arabia Saudita. Nonostante il piano di volo già accordato, al comandante è stato impedito il sorvolo sui cieli degli Emirati Arabi. Il Boeing, dopo la sosta forzata, ha ripreso il viaggio per Herat

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Washington, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid. Così gli Usa incentivano a immunizzarsi

next