A margine del suo incontro al Festival dell’Economia di Trento, l’economista francese Thomas Piketty ha commentato il rapporto tra il colosso Amazon e i suoi lavoratori. In particolare il caso americano in cui i dipendenti hanno respinto l’ingresso in azienda del sindacato. “La legge negli Stati Uniti è diversa ma non bisogna dimenticare i milioni spesi da Amazon per la propaganda durante i giorni che hanno preceduto il referendum”, ha detto Piketty a ilfattoquotidiano.it, ricordando anche il precedente di Uber in California, dove la compagnia “ha speso 400 milioni”. Eventi che lo preoccupano. “Anche se in Europa abbiamo più tutele e non ci sono barriere all’ingresso sindacale in azienda, la capacità di spesa che dimostrano queste compagnie quando si tratta di ottenere quello che vogliono deve farci riflettere e vigilare bene sulle leggi che facciamo, perché l’ingerenza può arrivare anche in altri ambiti”, ha spiegato. “Lei compra su Amazon”, abbiamo chiesto. “Cerco di evitarlo“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro stagionale, banalità e polemiche: ogni anno la stessa storia. Ma una soluzione c’è

next