Una storia di bullismo – ma stavolta con un lieto fine – nella periferia est di Roma, zona Villaggio Prenestino. Vittima della prepotenza un ragazzo autistico, Matteo, che uscito di casa per la prima volta dopo tre anni – come raccontato da RomaToday – è stato subito insultato da alcuni giovanissimi bulli, tra i 17 e i 18 anni, che gli hanno lanciato addosso delle uova, fortunatamente non colpendolo. Subito dopo la denuncia sui social della madre, però, i bulli si sono scusati e hanno promesso di trascorrere del tempo con lui.

Matteo è il volto dell’associazione “I colori di Matteo”, fondata dalla madre Sara Fioramanti, che si occupa di sport e inclusione a beneficio dei ragazzi autistici del VI Municipio di Roma. Come lei stessa racconta, Matteo non esce mai di casa per paura del mondo esterno, ma da qualche settimana aveva preso a percorrere almeno il vialetto dell’abitazione. “Arriva fino in fondo, controlla che la sua macchina sia a posto e rientriamo”, spiega. La sera del 2 giugno, Sara e Matteo si trovavano proprio sul vialetto quando dei ragazzi a bordo di un’auto sono passati più volte e hanno cominciato a ridere del ragazzo gridandogli “obeso”.

Dall’auto avevano lanciato anche delle uova e a quel punto la madre si era parata davanti al figlio, per fargli da scudo. “Che ne sanno dell’autismo – aveva commentato – che vengano a scusarsi, con lui e con me”. E così, a sorpresa, è stato. Proprio ieri i bulli hanno avuto il coraggio di recarsi a casa del ragazzo per scusarsi e mettersi a disposizione. E Sara li ha perdonati: “Che dovevo fare – dice all’edizione romana di Repubblica -, sono una madre anche io. Hanno capito di aver fatto una cosa sbagliata, hanno detto di non sapere che Matteo fosse autistico e promesso di venire a trovarlo tutte le settimane. Per fortuna questa brutta vicenda ha avuto il suo lieto fine“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“La Chiesa ha fallito sulla catastrofe degli abusi sessuali”. Il capo dei vescovi tedeschi si dimette e accusa: “Siamo a un punto morto”

next