Al via la ristorazione al chiuso in zona gialla, anche in Liguria oggi primo giorno di caffè al banco e pranzi al coperto, ma complice il tempo estivo e le distese di dehors che in queste settimane sono state allestite da tutti i ristoratori che hanno potuto farlo, a registrare il tutto esaurito sono ristoranti e bar che garantiscono un posto all’aperto. A tirare un sospiro di sollievo sono comunque i ristoratori che fino a oggi non sono potuti ripartire perché privi dello spazio esterno: “Sono venute tre persone convinte ci fosse solo l’asporto – spiega il gestore di una pizzeria di via V maggio – mi hanno guardato strano, quasi come se facendoli accomodare stessi facendo qualcosa di illecito”. “Per questo primo pranzo pensavamo di fare di più – sottolineano altri ristoratori intervistati – ma la gente si deve ancora abituare e forse c’è un po’ di timore da parte di alcuni a tornare al chiuso, vedremo nei prossimi giorni e già da questa sera se arriverà più gente”. Dal punto di vista del rispetto delle norme anti-Covid, che restano in vigore, c’è attenzione alle distanze tra tavolini e al limite di quattro persone, più disinvoltura rispetto all’uso della mascherina, che in teoria andrebbe tolta solo una volta arrivato il piatto in tavola, ma in pratica viene usata con le stesse modalità che abbiamo visto la scorsa estate, in concomitanza con l’effetto tranquillizzante del calo dei ricoveri e dei progressi nella campagna vaccinale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mottarone, Eitan fuori pericolo: trasferito dalla rianimazione al reparto di degenza

next
Articolo Successivo

Vaticano entra nell’Oms come osservatore permanente. Attivisti preoccupati per le posizioni anti-abortiste della Chiesa

next