Buffon ha già alzato la Coppa Italia nel cielo di Reggio Emilia, l’Atalanta è alle prese con una sconfitta cocente, nello studio Rai si analizza la partita e, soprattutto, l’arbitraggio del signor Massa. Al centro della polemica l’intervento in scivolata dello juventino Cuadrado sul nerazzurro Gosens, episodio da cui è nato il gol del vantaggio dei bianconeri. Gli opinionisti, moviolisti, commentatori sono divisi: per alcuni è fallo, per altri no. Il discorso è acceso, come spesso accade quando si tratta del rapporto tra Juventus e arbitri. Poi la trasmissione termina: saluti ai telespettatori e, quando tutto sembrava finito, il fuori onda di Bruno Gentili.

“La scivolata, quella credo abbia sollevato un po’ qualche polemica” dice il giornalista Rai riferendosi all’intervento del colombiano. “Beh ma non ha fatto fallo” è la risposta di uno degli ospiti in studio (la voce sembra quella di Marco Tardelli, ma non ci sono conferme assolute). “No – controreplica Bruno Gentili – io infatti ne parlavo con Massimiliano (in studio c’è Saccani, un ex direttore di gara), secondo me c’era un po’ di foga eccessiva”. Poi l’audio sfuma definitivamente. Tutto chiuso? Macché. La partita si sposta sui social, dove i tifosi juventini sono furiosi con la Rai, rea – a loro dire – di aver montato nel post gara una polemica per un episodio che anche secondo gli ospiti presenti in studio non costituiva alcuna irregolarità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roberto Baggio rivela come nacque l’idea del codino: “Eravamo negli Stati Uniti per i Mondiali…”

next
Articolo Successivo

“Non hanno fatto nulla per salvare Maradona”: pm pronti a cambiare l’accusa per i 7 indagati. E spunta una firma falsificata del Pibe de Oro

next