“Sganciare la Rai dal condizionamento dei partiti politici” avviando entro il prossimo mese l’esame parlamentare delle tante proposte di modifica della governance della tv pubblica presentate alla Camera e al Senato. E’ la richiesta contenuta in una mozione presentata a Montecitorio da Azione. “Dopo le polemiche seguite al concerto del 1 maggio – osserva Carlo Calenda, fondatore di Azione – tutti i leader dei partiti hanno affermato la necessità di una riforma della Rai che ponga fine alla lottizzazione politica. E allora discutiamone a viso aperto”.

Nella mozione, osserva l’ex ministro, “mettiamo nero su bianco l’esigenza di realizzare una vera riforma che modifichi l’attuale sistema e sfidiamo le altre forze politiche ad andare oltre dichiarazioni di circostanza”. “Per ‘liberare’ realmente la Rai dal condizionamento dei partiti si potrebbe attingere alle migliori esperienze degli altri paesi, inclusi i sistemi che prevedono l’affidamento della gestione del servizio pubblico a una fondazione nettamente separata e indipendente dal potere politico”, conclude Calenda.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino Covid, 500mila dosi al giorno? La realtà è un pochino diversa

next
Articolo Successivo

L’audizione del direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione vigilanza: la diretta tv

next