A Napoli locali pieni e strade della movida affollatissime nel primo weekend in zona gialla, con le forze dell’ordine che faticano a evitare assembramenti. “Era prevedibile che la gente presa dall’entusiasmo si riversasse in strada e nei locali – dice una cliente – i controlli ci sono ma gestire una massa di persone così è complicato”. Alle 22 i locali iniziano a far alzare i clienti. Il risultato è che dopo le 23, soprattutto nei vicoli del centro storico la movida continua, nonostante l’impegno delle forze dell’ordine che passano da una zona all’altra per invitare le persone a rientrare in casa. “L’orario di chiusura alle 22 è relativo – dice una ristoratrice – perché tanto i ragazzi escono dai locali e restano comunque in giro e la polizia per quanto ci provi non può controllare tutte le zone della città”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Qui è terribile, ospedali saturi e persone a terra in strada. Siamo 70 famiglie, riportateci a casa”: l’appello dell’italiana positiva bloccata in India

next
Articolo Successivo

Milano, locali e bar pieni già dal pomeriggio nel primo week end di zona gialla. Controlli e transenne sui Navigli dopo il coprifuoco

next