Bastano tre nomi per capire che Mediaset ha deciso di continuare a investire sulla fiction: Vanessa Incontrada, Giuseppe Zeno e Loretta Goggi. I tre attori sono infatti i protagonisti di altrettanti nuovi titoli annunciati nelle scorse ore, tre produzioni che dettano la linea rispetto al futuro delle serialità del Biscione. Gli ingredienti su cui punta Mediaset per rilanciare un comparto alle prese con ascolti poco brillanti? Almeno tre. Volti ultrapopolari spesso rubati” alla Rai, storie “larghe” per recuperare quel pubblico una volta iper fidelizzato e che negli ultimi anni non ha creduto nelle fiction di Canale 5 – nemmeno quelle più ambiziose come Il silenzio dell’acqua, con Ambra Angiolini e Giorgio Pasotti, o Oltre la soglia, con Gabriella Pession – e nuove case di produzione con cui collaborare.

Insomma, freschi del successo di Svegliati amore mio, la serie con Sabrina Ferilli, e di Buongiorno, mamma!, con Raoul Bova, la direzione Fiction diretta da Daniele Cesarano ha deciso di tornare a credere nel comparto serie. Certo, gli anni d’oro delle produzioni Ares e soprattutto TaoDue appaiono lontani – come dimenticare, tanto per citare uno dei titoli cult, gli oltre dieci milioni di spettatori di Distretto di polizia? – ma per recuperare il gap con le serie Rai Canale 5 scommette su alcuni degli attori più amati del grande pubblico. A cominciare da Vanessa Incontrada, una che da anni non sbaglia una serie, e che torna dopo una lunga assenza sulla rete ammiraglia Mediaset con Fosca Innocenti: questa volta interpreterà un Vice Questore a capo di una squadra investigativa tutta al femminile nella serie diretta da Fabrizio Costa e prodotta da Banijay Studios Italy, le cui riprese sono cominciate a Roma e proseguiranno ad Arezzo. Nel cast c’è anche Francesco Arca – visto di recente al fianco della Ferilli in Svegliati amore mio e tra i protagonisti di Guida astrologica per cuori infranti, la nuova serie italiana di Netflix, in uscita nei prossimi mesi e girata a Torino – che incarna Cosimo, titolare di un’enoteca nonché migliore amico e punto debole di Fosca.

Dopo vent’anni d’assenza da Mediaset, torna a sorpresa anche Loretta Goggi, che nel 1999 concluse la sua esperienza a Cologno con l’iconica sit com Due per tre, di cui era protagonista con Johnny Dorelli. Per molto tempo aveva abbandonato il mondo della fiction, poi dopo la morte del marito Gianni Brezza era tornata sul set per diverse serie dirette da Cinzia Th Torrini (compresa Fino all’ultimo battito, terminata di girare pochi mesi fa) e ora punta alla riconquista di Canale5. La Goggi è nel cast di Più forti del destino, prodotto da Fabula Pictures per la regia di Alexis Sweet, adattamento della serie-evento francese Le Bazar de la Charité . Mediaset fa dunque le cose in grande stile con una fiction ambientata nella Sicilia di fine secolo e un super cast che comprende anche Giulia Bevilacqua, Laura Chiatti e Sergio Rubini. Nella Palermo del 1886, tutto comincia con l’inaugurazione della Mostra dall’esposizione Nazionale: mentre la folla si accalca per ammirare le meraviglie tecnologiche – tra le quali il cinema -, scoppia un violento incendio e le vittime sono per lo più donne. E saranno proprio le donne a battersi contro le ingiustizie che sono costrette a subire in una società fortemente maschilista che fatica a cambiare.

Il terzo nuovo titolo annunciato ha invece come star Simona Cavallari e Giuseppe Zeno, quest’ultimo a lungo volto di punta delle serie Rai e da poco scelto da Mediaset anche per Luce dei tuoi occhi, il thriller melò con Anna Valle in onda nella prossima stagione tv. Intanto è sul set di Storia di una famiglia perbene, prodotto dalla 11 marzo e liberamente ispirata all’omonimo best-seller di Rosa Ventrella. Ambientata a Bari tra il 1985 e il ‘92, racconta l’amicizia tra Maria, figlia di pescatori, e Michele, figlio del boss Nicola Straziota: il loro rapporto cambia e cresce nel tempo diventando un grande amore che costringerà i due protagonisti a combattere contro l’ostilità delle rispettive famiglie. La regia è di Stefano Reali. Le premesse per un rilancio, ci sono tutte. Come risponderà il pubblico?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

L’Agcom richiama “Non è l’Arena” di Massimo Giletti sul ‘caso Genovese’: “Oltrepassato il legittimo esercizio del diritto di cronaca”

next