Dopo 4 anni e 9 udienze si è concluso l’iter legale che ha visti coinvolti Marco Cappato e Mina Welby, rispettivamente copresidente e tesoriere dell’associazione Luca Coscioni. Il processo d’appello a Genova ha confermato l’assoluzione richiesta dal procuratore generale di Genova, Roberto Aniello. La Corte ha infatti riconosciuto a Davide Trentini tutti i requisiti individuati dalla Corte costituzionale, incluso il sostegno vitale, identificato nei trattamenti farmacologici. “Noi chiediamo che ci siano delle regole certe di legalizzazione dell’eutanasia per le persone che adesso vivono questa urgenza. Il tribunale a Genova può stabilire un precedente importante sul diritto anche per le persone che non sono attaccate a una macchina, ma per la legge nell’inerzia del parlamento puntiamo a raccogliere le firme sul referendum e a quel punto saranno direttamente i cittadini italiani a scegliere”, così Marco Cappato all’uscita dall’aula

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Altro che riaperture: c’è chi non può uscire da marzo 2020. La storia di Giacomo

next
Articolo Successivo

Cannabis terapeutica, Walter De Benedetto festeggia a casa l’assoluzione: “I Matti delle Giuncaie” lo sorprendono con un mini-concerto

next