“È vero non esiste uno studio scientifico che evidenzi la quantità di rischio supplementare per un’ora in più o in meno di coprifuoco. Fa parte di un principio di precauzione, l’obiettivo di queste restrizioni è quello d’incidere sulla prevalenza statistica che si ha quanto c’è un contatto interumano, il quale rappresenta sempre un rischio.” Queste le parole di Fabrizio Pregliasco, virologo all’Università degli Studi di Milano e direttore sanitario dell’ospedale Galeazzi, sul tema del coprifuoco. “Le riaperture mi preoccupano“, continua, “speriamo che il prezzo da pagare, in termini di risalita dei contagi, non sia alto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Variante indiana, i due positivi in Veneto rientrati dal pellegrinaggio del Kumbh Mela: avevano fatto abluzioni nel Gange

next
Articolo Successivo

Protesta dei lavoratori Alitalia, tensione tra i manifestanti e la polizia: gli agenti in tenuta anti-sommossa bloccano il corteo – Video

next