“Potenziale violazione del regolamento disciplinare per un presunto coinvolgimento in una società di scommesse“. Così la Uefa in una nota ufficiale annuncia l’apertura di un’indagine nei confronti di Zlatan Ibrahimovic. Nelle scorse settimane il quotidiano svedese ‘Aftonbladet’ aveva rivelato che l’attaccante del Milan e della nazionale svedese risulta proprietario al 10% delle quote di Bethard, azienda attiva nel mondo delle scommesse con sede a Malta.

Posizione che risulta incompatibile con le regole della società a capo del calcio europeo: la Uefa stabilisce infatti che i giocatori con interessi finanziari nelle attività di scommesse, non hanno l’autorizzazione a partecipare a nessuna delle competizioni, ragion per cui il presidente Aleksander Čeferin avrebbe nominato un ispettore etico e disciplinare che dovrà condurre l’indagine e chiarire la posizione del giocatore.

La violazione a cui si fa riferimento è quella dell’articolo 12 dell’Uefa Disciplinary Regulations in cui è espressamente scritto: “Tutte le persone vincolate dalle regole e dai regolamenti Uefa devono astenersi da qualsiasi comportamento che danneggia o potrebbe danneggiare l’integrità delle partite e delle competizioni”. Al comma 2,B è poi riportata la regola per cui Ibrahimovic è sotto l’attenzione della giustizia sportiva: “Chi partecipa direttamente o indirettamente a scommesse o attività simili relative a partite o chi ha un interesse finanziario diretto o indiretto in tali attività”. Lo svedese rischia di incorrere in sanzioni che vanno da una multa a una squalifica, potenzialmente fatale per la sua carriera a 41 anni.

“E’ una cosa di cui prenderemo atto quando verrà notificata, ma non ci preoccupa assolutamente”, ha dichiarato il direttore sportivo del Milan, Frederic Massara, ai microfoni di Sky Sport nel prepartita di Lazio-Milan a proposito dell’apertura di una inchiesta da parte dell’Uefa nei confronti di Ibrahimovic.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Superlega, undici club di Serie A chiedono alla Lega Calcio “conseguenze” per Juve, Milan e Inter: “Grave danno al calcio italiano”

next
Articolo Successivo

Donnarumma ride insieme a Reina dopo il 3-0 con la Lazio, rabbia dei tifosi: “Togliti la fascia”

next