Gli chef umbri non ce la fanno più: per questo hanno organizzato un sit-in di protesta a Città della Pieve, residenza proprio del premier Mario Draghi che nei giorni scorsi ha annunciato la riapertura dei locali, a patto che si possa consumare all’aperto. “Fa freddo”, denuncia però Gianfranco Vissani, uno degli chef presenti. Per manifestare il proprio livore, i ristoratoti hanno deciso di dedicare al presidente del Consiglio un piatto-appello: l’uovo in uovo. A presentarlo è Simone Ciccotti, animatore dell’iniziativa dell’Associazione Solidart.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, il governo pensa ad un pass che attesti la negatività o la vaccinazione. App e codice Qr: le ipotesi

next
Articolo Successivo

Pavia, il corpo senza vita di Polina Kochelenko trovato in un canale: l’addestratrice di cani è scivolata per salvare uno dei suoi cuccioli

next