La verità è che questa settimana avrei dovuto leggere un altro libro ma l’attrazione è stata fatale. “Dai, leggo giusto l’incipit e poi lo metto via”, mi sono detta. Solo che poi la prima riga è diventata il primo capitolo che è diventato la prima parte e in un attimo è arrivata la fine. Italian Life (Rizzoli) è semplicemente magnetico, una fiaba moderna disillusa e dissacrante, che consegna al lettore un ritratto scomodo e veritiero del nostro Paese e dei suoi meccanismi collaudati. Lo sguardo di Tim Parks, scrittore e giornalista inglese che vive in Italia da quarant’anni, colpisce e affonda con una precisione impeccabile, colpendo con un pugno la pancia dell’Italia. La storia vede intrecciarsi le vite di Valeria, giovane che decide di lasciare il paesino della Basilicata dove è nata e cresciuta per studiare in una prestigiosa università privata di Milano; e di James, un giovane professore britannico laureato a Oxford e Yale e innamorato inspiegabilmente del nostro Paese, ostinato a fare carriera nel mondo accademico, che si scontra ripetutamente con le magagne e i modus operandi tipicamente italiani. Con una certa caustica ironia e una buona dose di rassegnazione, questi due personaggi vedono i loro sogni scontrarsi, in una battaglia persa ancor prima di esser combattuta, con i baroni universitari e il loro potere che si manifesta sottoforma di nepotismo, clientelismo, corruzione, intrighi, massoneria e uso strumentale della burocrazia. Ma non solo: ci sono anche l’eterno conflitto Nord-Sud, una profonda riflessione sul concetto tutto italiano di comunità, di inclusione (o meglio, esclusione), e di famiglia. Il tutto raccontato attraverso una narrazione puntuale, affascinante e colta, ricca di citazioni letterarie, excursus da Dante a Verga e sublimi accostamenti con alcuni episodi tratti dal repertorio fiabesco-popolare di Giambattista Basile. Una storia dal sapore dolceamaro (più amaro che dolce, per la verità) che ci sbatte in faccia tutte le scorrettezze e le contraddizioni – insite nel nostro sistema universitario ma non solo – a cui noi italiani siamo ormai assuefatti. Risvolti tragicomici e un finale assolutamente struggente. Voto (disincantato): 9.

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti a Italian Life di Tim Parks, Maschi e Murmaski di Chiara Bongiovanni, Splendi come vita di Maria Grazia Calandrone

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ne ‘Il genocidio’ Marcello Flores ripercorre gli avvenimenti che hanno insanguinato la Storia

next
Articolo Successivo

Come salvarsi la vita con la Divina Commedia: esce il saggio Il potere di Dante, per passare dalla “selva oscura” a “riveder le stelle”

next