di Niccolò Mannucci

In Italia, che tu sia primo ministro o allenatore di una squadra di calcio non cambia poi tanto. Entrambi sanno che avranno poco tempo a disposizione per realizzare la propria idea, nel migliore dei casi tre anni, ma mediamente il numero non è superiore ai due anni. Non staremo qui ad elencare i numerosi esempi che in questi ultimi venti anni si sono succeduti, basta avere una minima conoscenza della nostra cronaca quotidiana per rendercene conto.

Il poco tempo a disposizione di queste persone, fondamentali nello sviluppo di un paese, o di una squadra, si ripercuote inevitabilmente su questi ultimi. Come può un politico proporre piani di sviluppo lungimiranti, quando è consapevole che non avrà il tempo per poterli realizzare?
Come fa un allenatore di una squadra a proporre la propria idea di calcio ai giocatori, quando sa che se non ottiene obiettivi velocemente non potrà continuare il proprio percorso?

Il problema che ci si pone davanti è di una serietà e complessità unica, senza idee coerenti nel tempo, nessuno sviluppo è possibile, né politico né sportivo. In Italia è ormai evidente che si gioca per sopravvivere, come si dice in gergo volgare: “Per tirare avanti la baracca”.

Basterà portare qui due semplici esempi: la Germania della Merkel e il Liverpool di Klopp. Entrambi li conosciamo tutti ed entrambi hanno permesso al proprio paese, o squadra di prosperare e accumulare vittorie. La Germania dopo una storia contemporanea travagliata è diventata la potenza egemone dell’Europa, sapendo affidarsi a leader che hanno avuto il tempo di portare avanti le proprie politiche. La Germania non è diventata la prima potenza economica europea dall’oggi al domani dopo la riunificazione, e in poco più di 30 anni ha avuto solamente tre cancellieri; non è un caso che oggi si ritrovi elevata ormai da anni a ruolo di prima potenza del continente.

Il Liverpool di Klopp è arrivato a vincere prima la Champions League e poi il campionato, fatto quest’ultimo che non succedeva da 30 anni. Ma non ha vinto subito nell’anno dell’arrivo dell’allenatore tedesco, non ha vinto l’anno dopo, e neanche quello dopo ancora, ha avuto bisogno di quattro anni di sviluppo per vincere la massima competizione europea e di cinque anni per vincere il campionato.

Proviamo ora ad immaginare il nostro paese con una sola guida politica per circa 15 anni. È impossibile solo cercare di pensarlo. Proviamo a immaginare una squadra come la Juventus (ma anche Milan, Inter e tutte le altre) che confermi lo stesso allenatore, arrivato per vincere, dopo che per quattro anni non accumula nessun trofeo. Impossibile anche in questo caso.

Lo sviluppo di progetti e idee, nel nostro paese, è fortemente intralciato da questo sentimento di volere tutto, e di volerlo subito. La fretta, l’urgenza, l’impazienza di vincere, così in campo politico come in quello calcistico, sono nemici fino ad oggi imbattuti. Spesso sentiamo dire, non da ultimo a Sanremo, “il fallimento è parte del successo”, il che è assolutamente vero.
Ma purtroppo, in Italia, non vi è il tempo di fallire.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ruanda, le ferite del genocidio e la cura del pallone: così il calcio ha cancellato l’odio interetnico

next
Articolo Successivo

De Rossi ricoverato per Covid, l’audio dallo Spallanzani: “Ho avuto paura, ho una polmonite interstiziale bilaterale che non si può curare a casa”

next