Utilizzavano la mensa dell’ospedale Vittorio Emanuele di Gela come un supermarket privato dal quale rifornirsi, prelevando gratuitamente generi alimentari e prodotti di ogni tipo. Secondo gli investigatori avrebbero infatti collezionato oltre 500 furti in poco più di due mesi, per un importo complessivo di circa 24mila euro. Sono 36 le persone indagate dalla Procura di Gela, nell’ambito dell’operazione denominata significativamente “Magna Magna” che ha portato all’arresto in flagranza di due persone. Nelle loro auto è stata recuperata un’enorme quantità di alimenti e merce rubata

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Astrazeneca, Magi (Ordine medici di Roma): “Seconda dose con vaccino diverso come in Francia? Un azzardo, io non me la farei”

next
Articolo Successivo

Morta a 95 anni Antonietta Romano Bramo, addio alla partigiana Fiamma: “Fu in prima linea nelle fabbriche durante la Resistenza”

next