Pep Guardiola, allenatore del Manchester City, contro Uefa e Fifa. Il Ct catalano ha spiegato che il calendario troppo denso mette a rischio la salute dei calciatori e a complicare la stagione si aggiungono anche gli impegni con le nazionali.

Guardiola si è sfogato alla vigilia della sfida di Champions League del Manchester City contro il Borussia Dortmund, valida per l’andata dei quarti: “È troppo, stanno uccidendo i calciatori. Sono esseri umani, non macchine. So che alcuni di loro sono tristi perché vorrebbero giocarle tutte ma non è possibile. Se vuoi lottare su tutti i fronti, in quella che è la stagione più breve della storia, devi fare delle rotazioni. I calciatori hanno bisogno di riposo, Uefa e Fifa li stanno uccidendo, da quando abbiamo iniziato la stagione non abbiamo mai avuto una settimana di stop”, ha spiegato.

“Essere eliminati dal Lione lo scorso anno – ha detto il mister – è stata davvero dura da digerire, non posso negare che è stato doloroso, mi è rimasto tutto nella testa per settimane. Non meritavamo di passare, ora però siamo qui per riprovarci. Tutti vogliono arrivare il più lontano possibile ma un conto è quello che vuoi, un altro è farlo vedere in campo e battere gli avversari, come abbiamo fatto tante volte in tutte le competizioni. Voglio essere onesto: ho preparato la partita come quella precedente, quella ancora prima e quelle ancora prima negli ultimi mesi” ha concluso Guardiola.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trent’anni fa il rigore mai calciato da Baggio contro la Fiorentina, De Agostini: “Sono andato al Mondiale, ma mi ricordano per quell’errore”

next
Articolo Successivo

Juventus-Napoli, la vigilia del recupero con l’allarme Covid: positivo Bernardeschi. Il focolaio della Nazionale sale a 11 contagiati

next