Chi Ride è Fuori. È questa la regola di “LOL”, il nuovo comedy show originale di Prime Video, la piattaforma di Amazon. Sono due gli “host” (qui i conduttori vengono chiamati così): Fedez, al debutto assoluto come padrone di casa, e Mara Maionchi. Una coppia esplosiva, che si è ritrovata a tre anni dall’ultima edizione di “X Factor” dove erano entrambi dietro il bancone di giudici. “C’è bisogno di un programma come questo in questo periodo. E’ un format nuovo, una ventata d’aria fresca in un palinsesto un po’ impolverato”, ha detto il cantante durante la conferenza stampa.

Prodotto da Endemol Shine Italy, “Lol: Chi ride è fuori” è una sfida tra dieci comici professionisti, ovvero Elio, Caterina Guzzanti, Lillo, Angelo Pintus, Frank Matano, Katia Follesa, Ciro e Fru dei The Jackal, Michela Giraud e Luca Ravenna. Il loro ruolo? Rimanere chiusi dentro a una stanza per sei ore consecutive senza ridere provando, però, a far ridere i loro “avversari”. Tutto è concesso, tranne ridere, pena l’eliminazione.

Alla prima risata, scatterà il cartellino giallo. Alla seconda risata, quello rosso che decreterà l’espulsione definitiva dal gioco. Saranno Fedez e Mara Maionchi, osservatori dalla “control room”, ad assegnarli. Chi resta per ultimo, vince il premio finale da 100mila euro, e sarà proprio il vincitore a decidere a quale ente benefico destinare il premio. I primi quattro episodi dell’esperimento comico sono già disponibili dal 1 aprile, mentre gli ultimi due saranno resi disponibili l’8 aprile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Striscia la Notizia, Giancarlo Magalli riceve il Tapiro e si sfoga: “La Rai mica è mia. Invidio molto Gerry Scotti”

next
Articolo Successivo

Lo confesso, rinuncio a tutto ma non al calcio in tv. Un appello: curateci!

next