Anche oggi a Verano Brianza il centro vaccinale ospitato nel palazzetto dello sport è stato chiuso anzitempo. Non perché mancano i vaccini, ma perché mancano le persone da vaccinare. “Abbiamo vaccinato soltanto 90 persone a fronte a una potenzialità di oltre 400 e con 800 dosi Astrazeneca in frigorifero – spiega il sindaco Massimiliano Chiolo – la responsabilità è del sistema di prenotazione che non funziona”. E così, com’era avvenuto anche tra sabato e lunedì, le porte del centro sono rimaste chiuse.

“Non si perdono dosi, ma tempo prezioso”, spiega il sindaco che ha anche proposto di vaccinare con Astrazeneca gli over 80 del paese che vengono dirottati in altri centri. “Mi hanno detto che non è possibile e di aspettare che arrivino le persone, ma stanno arrivando con il contagocce”. Una situazione che avviene nel giorno in cui il presidente Fontana ha bollato come “polemiche stucchevoli” i disservizi che si sono verificati nelle ultime settimane. “Non faccio polemiche – conclude il sindaco – chiedo che i servizi funzionino. Questo è il compito di un sindaco: stimolare chi ha il potere decisionale per far funzionare le cose”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuovo decreto Covid, ok del Consiglio dei ministri: niente zone gialle fino al 30 aprile. I sindaci: “Ignorati, una frattura istituzionale”

next
Articolo Successivo

Anche il maestro Alberto Veronesi protesta sotto Palazzo Lombardia: il concerto per chiedere “un cambio di passo sui vaccini” – Video

next