“L’analisi dello studio effettuato dall’Iss con il ministero della Salute e in collaborazione con le Regioni, mostra come in Italia sia presente in circa l’87% dei campioni esaminati la variante inglese, che è caratterizzata da un aumento del 35-36% della trasmissibilità“. Così il direttore generale della prevenzione presso il ministero della Salute, Gianni Rezza. “È inoltre stata identificata la variante brasiliana in alcune Regioni dell’Italia centrale – ha aggiunto -. La presenza di queste varianti caratterizzate da un aumento della velocità di circolazione rende necessario mantenere comportamenti prudenti ed essere aderenti alle regole stabilite dalle autorità sanitarie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spionaggio russo, si fa presto a dire Guerra Fredda

next
Articolo Successivo

Biancavilla, il paese dove i morti di Covid-19 andavano “spalmati” e ora non ha più fiducia: “La Regione ci dica la verità sui nostri cari”

next