Via l’incarico al consulente a processo per le minacce contro l’ex ministra Lucia Azzolina. È quello che ha chiesto di fare l’attuale titolare del dicastero all’Istruzione, Patrizio Bianchi. Il ministro esprime inoltre la massima stima nei confronti di Azzolina, che lo ha preceduto al vertice del dicastero di viale Trastevere. A renderlo noto è il ministero dell’Istruzione, che spiega come Bianchi, pur riconoscendo l’autonomia dei sottosegretari nella nomina del loro staff, alla luce di quanto emerso da notizie di stampa, ha chiesto al sottosegretario Rossano Sasso di valutare attentamente e rapidamente l’opportunità della nomina del professor Pasquale Vespa. Il ministro, dicono sempre da viale Trastevere, ha quindi ricevuto dal sottosegretario la disponibilità del professor Vespa a sospendersi dal suo incarico, in attesa del chiarimento della sua posizione. Di conseguenza, il ministro ha dato mandato all’amministrazione di procedere alla revoca dell’incarico assegnato al professor Vespa: è durato in tutto 48 ore.

Non si tratta solo di un atto amministrativo formale, ma dell’epilogo di quello che è il primo vero e proprio scontro all’interno dell’esecutivo di Mario Draghi. L’incarico, infatti, sarà revocato al consulente chiamato al ministero dal sottosegretario della Lega. A denunciare la vicenda, nelle scorse ore, è stata proprio Azzolina, ex ministra dei 5 stelle e ora semplice deputata. Nei mesi scorsi Azzolina ha denunciato le offese e gli attacchi ricevuti via social da Vespa, che per questi fatti è finito imputato di un processo che inizierà a Napoli il prossimo 9 aprile. Vespa, spiegava ieri Azzolina a ilfattoquotidiano.it, “ha portato avanti una campagna quotidiana contro di me. È un sindacalista e un precario che però non vuole il concorso, ma chiede quella sanatoria per cui da tempo i leghisti si battono. Tanto che non ha voluto partecipare nemmeno a quello straordinario riservato proprio ai precari”.

Poi su Facebook ha aggiunto: “Vespa ha trascorso gli ultimi due anni della sua vita ad insultarmi pubblicamente, fomentare aggressioni verbali e allusioni sessuali. Minacciarmi di morte. Un cyberbullo, a tutti gli effetti“. L’ex ministra, in un’intervista al Fatto Quotidiano, spiega di non aver mai conosciuto il docente. “Ma sui social per anni ha condotto una guerra contro di me con post sessisti e minacce, da cui poi scaturivano commenti volgari e di cattivo gusto. I peggiori istinti umani. Poi c’è stato quel video… è stato davvero brutto. Ha contribuito a far sì che fossi messa sotto scorta“, sono le parole dell’esponente dei 5 stelle.

Che adesso ringrazia il ministro Bianchi: “Ha fatto la cosa giusta. Permettere al sottosegretario Sasso, con delega al cyberbullismo, di assumere al Ministero dell’Istruzione la persona che mi ha minacciato per anni – e che per questo è a processo – sarebbe stato un segnale terribile per la stessa comunità scolastica. Non è solo con le norme ma anche con gli esempi e i comportamenti che si può aiutare la scuola a formare i giovani nel rispetto e nella tolleranza. In queste ore ho ricevuto affetto e solidarietà da tutto il M5s, ma anche da Pd e Leu, che ringrazio. Dispiace invece che il sottosegretario Sasso non abbia compreso la gravità della cosa e si ostini a difendere l’indifendibile”.

Reagiscono “con soddisfazione” alla revoca dell’incarico di Vespa anche le deputate e i deputati del Movimento 5 Stelle, componenti della commissione Cultura della Camera, che hanno diffuso una nota per definire la nomina del sottosegretario Sasso come “un fatto gravissimo e un pessimo esempio per le future generazioni”. Peppe Provenzano, ex ministro del Sud e attuale vicesegretario del Pd, ha twittato: “Il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha deciso di procedere alla revoca dell’incarico assegnato al consulente del sottosegretario della Lega Sasso, un uomo che ha usato ripetutamente la violenza verbale verso Azzolina.. Giusto così”.

Vespa sul profilo Facebook si definisce “Ingegnere, Giornalista, Sindacalista, Docente Precario, Direttore di NapoliTime, Coordinatore UIL Scuola Precari Campania, Presidente Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori #AnDDL. Presidente Ass. Ecomuseo del Mare e della Pesca”. Sempre sui social aveva annunciato di essere entrato a far parte dello staff del sottosegretario all’Istruzione leghista, lo stesso che nelle scorse settimane è salito agli onori della cronaca, non solo per aver attribuito a Dante una citazione di Topolino, ma anche perché sposato con un’avvocata specializzata in ricorsi sulla scuola.
E proprio Sasso è intervenuto in difesa del neoassunto: “L’onorevole Azzolina non è nuova ad attacchi nei confronti di insegnanti e dirigenti scolastici che hanno manifestato dissenso nei confronti delle sue politiche”, ha esordito su Facebook citando il caso del preside di Vo’ sul quale è stato aperto (e poi archiviato) un procedimento disciplinare nei mesi scorsi. Ma soprattutto Sasso ha sminuito le minacce che invece hanno portato a processo il suo nuovo collaboratore: “Il professor Pasquale Vespa, sindacalista e leader nazionale del movimento dei docenti precari, ha sempre rappresentato una spina nel fianco per l’onorevole Azzolina e per le politiche ostili nei confronti del mondo del precariato”. Anzi, secondo il leghista, Sasso sarebbe “un simbolo dei diritti dei lavoratori più deboli, che ha condotto battaglie evidentemente dure e scomode, che adesso si vorrebbe fare passare come uno stalker e come un molestatore”. Il ministro dell’Istruzione, evidentemente, non la pensa così.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Sud sedotto e abbandonato da un liberatore. Ma il paragone Grillo-Garibaldi non regge più

next
Articolo Successivo

Sicilia, la portavoce del governatore di centrodestra? È un’ex europarlamentare Pd. L’Ars le aumenta lo stipendio: è polemica

next