Tre attacchi armati hanno sconvolto il Niger, la nazione più povera del mondo secondo le classifiche di sviluppo delle Nazioni Unite ora è costretta a combattere al suo interno anche con le scorribande jihadiste in arrivo dal Mali e dalla Nigeria. Nelle scorse ore sono stati assaltati tre villaggi nella regione di Tahoua, il bilancio al momento è di 137 morti. A darne notizia il governo locale, che in una nota ha evidenziato come il numero di vittime fa di questi attacchi il peggiore massacro di matrice jihadista mai commesso in Niger. Uomini armati sono arrivati in moto, hanno attaccato i villaggi vicino al confine con il Mali, sparando “a tutto ciò che si muoveva”, ha detto un funzionario locale. Il portavoce del governo Zakaria Abdourahamane ha commentato così gli attentati: “Trattando sistematicamente le popolazioni civili come obiettivi, questi banditi armati sono andati un passo avanti verso l’orrore e la brutalità”.

In queste ore la Corte costituzionale ha intanto confermato Mohamed Bazoum presidente del Niger, l’insediamento si terrà il prossimo 2 aprile. Il leader del Partito nigerino per la democrazia e il socialismo, Pnds, ha vinto con 55,66% dei consensi, contro il 44,34% per il suo oppositore Mahamane Ousmane del Rdr-Tchanji.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canarie: Nabody, migrante di due anni, morta nella rotta Atlantica. Aumentano i naufragi, ma la Spagna alza le difese

next
Articolo Successivo

Israele torna al voto per la quarta volta in due anni. Netanyahu in testa, ma teme una mega-coalizione guidata dal rivale Yair Lapid

next