Il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva, in Italia, è in costante crescita. Il saldo, rispetto a domenica scorsa, ha fatto registrare un +62, mentre il dato di lunedì 22 marzo parla di 227 nuovi ingressi totali. Anche al San Filippo Neri, a Roma, i casi critici sono in aumento. A confermarlo è il primario del reparto di Terapia intensiva, il dottor Mario Bosco: “Notiamo anche una riduzione dell’età media, probabilmente frutto delle varianti del virus. Abbiamo ancora posti letto disponibili, speriamo solo che gli accessi in ospedale calino”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È morto Sante Notarnicola, “bandito poeta” membro della banda Cavallero. Nel 1968 la condanna all’ergastolo

next
Articolo Successivo

A Malnate la sindaca-infermiera fa vaccinare 176 anziani malati in un solo giorno: “Regione Lombardia ne ha vaccinati solo 60 in 14 giorni”

next