L’ipotesi – non ancora confermata – è che possa trattarsi di un crimine d’odio contro gli asiatici americani, presi di mira nell’ultimo anno e nei confronti dei quali le violenze sono aumentate del 150% nel 2020. Nella notte Atlanta, in Georgia, è stata scossa da tre sparatorie, tutte e tre avvenute in centri massaggi e centri benessere, dove almeno sei vittime su otto sono di origine asiatica. Si tratta della prima strage da quando si è insediato Joe Biden, che già la scorsa settimana aveva condannato gli “odiosi crimini di odio contro gli americani di origine asiatica attaccati, molestati, incolpati e usati come capri espiatori”.

Il presunto killer, il 21enne Robert Aaron Long, è stato arrestato dopo un inseguimento in auto e ora è sotto la custodia della polizia, che sta curando le indagini insieme all’Fbi. Per gli agenti è arrivata anche una squadra speciale da New York. I centri massaggi delle due aree colpite sono infatti gestiti o vi lavorano soprattutto asiatici e fra le otto vittime ci sono proprio sei asiatici di cui quattro donne.

Le indagini sono in corso e la polizia ritiene che le tre sparatorie siano collegate: l’arma rinvenuta sulla Hyundai nera a bordo della quale Long è fuggito sembrerebbe quella usata in tutti e tre gli episodi. “Sembrerebbe essere lo stesso sospettato” per tutti e tre gli incidenti, affermano fonti della polizia di Atlanta con i media locali. La polizia sta passando al setaccio le telecamere dei tre centri massaggi e delle aree circostanti, oltre a perquisire l’abitazione di Long e passare al vaglio la sua presenza sui social media. “Pizza, pistole, percussioni, musica, famiglia e Dio. Questa è la mia vita. Ed è una bella vita”, è – secondo quanto riportato dai media americani – lo slogan usato da Long sul suo account privato su Instagram. Il ragazzo viene descritto come profondamente religioso.

La prima sparatoria è avvenuta al Young’s Asian Massage vicino Acworth, area a nord ovest di Atlanta, intorno alle cinque del pomeriggio. È qui che sono state uccise quattro persone e una è rimasta ferita ma le sue condizioni non sono al momento chiare. Quarantasette minuti più tardi al polizia ha risposto a una chiamata per rapina alla Gold Spa, centro massaggi nel nord est della città, dove hanno poi trovato i corpi di tre donne crivellati da colpi di arma da fuoco. Mentre gli agenti erano sul luogo la polizia ha ricevuto un’altra chiamata per una sparatoria all’Aromatherapy Spa sul lato opposto della strada. È qui che hanno trovato morta una donna. Ed è partita la caccia all’uomo, che ha portato alla cattura di Long due ore dopo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paul Rusesabagina, l’eroe di Hotel Rwanda detenuto e accusato di terrorismo. “Mio padre vivo solo grazie alle pressioni internazionali”

next
Articolo Successivo

Germania, 300 voli tutti esauriti a Pasqua per le Baleari “Covid free”. Governo: “No a viaggi non necessari”

next