A circa 40 chilometri a sud-ovest della capitale croata Zagabria, dopo il terremoto di magnitudo 6,4 di dicembre che causò la morte di sette persone, sono apparse grandi doline. Queste cavità chiuse sul fondo sono tipiche nelle regioni carsiche, generalmente sviluppate per dissoluzione della roccia calcarea. Sebbene la comparsa di doline non sia insolita a seguito di una forte attività sismica, il numero elevato e la velocità con cui sono emerse è relativamente raro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sudafrica, la guerra criminale per macadamia e avocado: furti da milioni di euro nei raid notturni

next
Articolo Successivo

Come sarà l’estate del 2021? Solo i ricchi potranno permettersi di viaggiare

next